“L’uomo che inseguiva i desideri” di Phaedra Patrick

L’ho letto tutto su un volo Milano-Tokyo. Il sistema di intrattenimento dell’aereo era guasto e stavo cercando di rimanere sveglia il più possibile per non avere problemi ad adattarmi al  fuso orario giapponese. L’ho comprato in edicola attirata dalla copertina molto accattivante. È stato un ottimo compagno di viaggio, perché racconta di un viaggio. Il protagonista, Arthur, è rimasto vedovo. Ogni giorno, metodicamente, compie le stesse azioni, da quando si sveglia a quando va a dormire. È il suo modo di attenuare un po’ la mancanza della moglie Miriam. Il giorno del primo anniversario della sua morte però, Arthur decide di riordinare le sue cose, così trova nascosto in uno stivale, un braccialetto con dei ciondoli di cui ignorava l’esistenza. Arthur è sorpreso perché Miriam non indossava gioielli. Su uno dei ciondoli trova inciso un numero di telefono. A questo punto ha inizio il viaggio di Arthur alla ricerca del passato della moglie che lo porta fino in India, a Goa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...