Seconda tappa: Le isole Cayman

11/04/2017 

Sono arrivata alle Isole Cayman dal mare, come fece Cristoforo Colombo nel 1503, quando mise piede per primo su questo arcipelago nel Mar delle Antille. Le battezzò Tortugas, per la presenza di moltissime tartarughe marine. 

La prima cosa che ho notato io invece, osservando il porto di Georgetown dal tender, è una grande insegna recante la scritta “Pizza” e numerosi negozi lussuosi.

Il programma di visita era anche oggi piuttosto serrato. Con il bus mi sono recata subito al Cayman Tortues Center, che si occupa di salvaguardia e ripopolamento delle tartarughe marine. 

Sono poi finita all’inferno, si fa per dire…Hell è una zona in cui sono presenti curiose rocce di origine vulcanica, la cui forma evoca alte fiamme che si alzano dalla terra. 

Proseguendo, mi sono fermata quindi in un negozio di prodotti tipici per la degustazione della Rumcake. È un famosi dolce tipico, molto leggero, una sorta di pan di Spagna, alto e soffice, aromatizzato con il rum.  Il pomeriggio infine, in motoscafo ho solcato le meravigliose acque della grandissima baia di North Sound,  per raggiungere la barriera corallina e ammirare le razze nel loro ambiente naturale, chiamato Stringray city, la città delle razze appunto. 

Verso sera, dal finestrino dell’autobus che mi riportava all’imbarco, ho scattato mentalmente le ultime istantanee. È stata come una gita scolastica, mi sono detta. Mi è sembrato di tornare ragazzina. Le strade di Grand Cayman si diramano regolari, liscie e pulite. Le abitazioni sono per la maggior parte moderne casette, in stile bitannico, dai vivaci colori pastello in contrasto con le potenti variazioni del blu di cielo e mare. 

Noto molti hotel di lusso, bar, caffeterie, ristoranti eleganti, centri commerciali e moltissimi altri servizi alla persona. Inevitabile pensare che tutto questo benessere provenga soprattutto dalle banche e dalle società offshore dei VIP e dei ricchi possidenti, forse attratti più dal paradiso fiscale che da quello naturale. 

Le Cayman meriterebbero una visita più approfondita da parte degli amanti di sport acquatici, in particolare delle immersioni. Io tornarei per scoprire scoprire le altre  due isole, Cayman Brac e  Little Cayman, che sono rimaste sullo sfondo di una giornata indimenticabile.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...